420 Farm

Europa – Professore di Criminologia vuole Legalizzarla

Cyrille Fijnaut sostiene nel suo nuovo libro per la legalizzazione della Cannabis in tutta l’UE. Tutti sanno che la guerra alla droga non ha effetto. Per porre fine alla criminalità organizzata. Lo ha annunciato in un’intervista a Knack.

Il professore in pensione di criminologia e diritto penale, tra gli altri presso l’Università di Rotterdam, è un’autorità nel campo della criminalità, della polizia e della giustizia. Nel suo nuovo libro scrive di uno dei focolai della criminalità organizzata, la città portuale di Rotterdam. Fijnaut: “La politica sulla droga ha permesso alla criminalità organizzata di radicarsi profondamente nella società olandese”.

Cattiva politica sulle droghe

“Alla fine degli anni Novanta, le piantagioni di Cannabis e i laboratori di droga nei Paesi Bassi continuavano a crescere. Poi ho avvertito che i Paesi Bassi stavano diventando come la Colombia. Perché la produzione di droga pone un enorme fardello sulla società ”, spiega il criminologo nell’intervista a Knack. “Allora servono luoghi, persone che possono produrre, risorse di produzione e trasporti. Questo è stato sottovalutato nei Paesi Bassi per troppo tempo. Il che ha reso il problema molto grande. “
Sembra che il governo olandese avesse i paraocchi. 

La legalizzazione è la soluzione?

Nei Paesi Bassi esiste una disuguaglianza politica sulla legalizzazione di alcune droghe e sulla capacità di far fronte alla criminalità organizzata. “Se lo fai, è meglio in un contesto dell’UE e in una serie di condizioni”. Certo, non si potrà mai sradicare completamente la criminalità e la polizia deve intervenire e agire con decisione per tenere sotto controllo il circuito illegale.

In realtà è bizzarro che non si parli ancora di legalizzazione in Europa, mentre la cannabis è legalizzata sia a livello ricreativo che medico in Canada e in gran parte degli Stati Uniti. Ad un certo punto, il tema è sul tavolo. Questo è il motivo per cui sono favorevole all’avvio della discussione a Bruxelles. Ma sfortunatamente: l’ultima politica sulla droga della Commissione europea non contiene una parola su questi sviluppi. Penso che sia completamente sbagliato, perché siamo alla vigilia di un dibattito piuttosto acceso sulla legalizzazione “.

Repost articolo di : Drugsinc

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su

Facebook
Twitter